brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

Batman: l'eroe dei fumetti nel Cinema

29/09/2008

Dopo la recente uscita nelle sale cinematografiche di “Batman: il Cavaliere Oscuro” , film di Christopher Nolan, il personaggio di Batman si afferma sempre di più come eroe del cinema più che del fumetto, dopo il grande successo ai botteghini, facendo rinascere la passione di Batman nel contesto del grande schermo.
Tuttavia questi ultimi film non sono i primi, infatti la “carriera” di Batman al cinema ha inizio nel 1989, con l’uscita del primo film sull’uomo pipistrello, “Batman” diretto da un giovane Tim Burton, dove Bruce Wayne, col volto (seppur mascherato) di Michael Keaton, si immerge nei panni dell’eroe per contrastare la minaccia del Joker, magistralmente interpretato da Jack Nicholson. 
Tim Burton si ritrova alla direzione della “conferma” di Batman al cinema; infatti nel 1992 esce nelle sale “Batman – Il Ritorno” dove, nuovamente Keaton come interprete, Batman deve salvare Gotham City dai piani malefici del Pinguino (Danny De Vito), aiutato dall’avvenente Catwoman, che sfrutta la bellezza di Michelle Pfeiffer. 
BatmanIl terzo appuntamento sul grande schermo è firmato dalla sapiente mano di Joeal Schumacher, in “Batman Forever” del 1995. I panni dell’eroe pipistrello toccano a Val Kilmer, che all’altezza del suo predecessore, deve vedersela con l’Enigmista del poliedrico Jim Carrey e l’Harvey Dent di Tommy Lee Jones, risoluti a far trionfare il male sulla città di Bruce Wayne. La sfida rimane dura ma l’uomo pipistrello può contare sull’aiuto del fedele Chris O’ Donnell, nei panni di Robin. 
Il Batman degli anni ’90 si conclude con il quarto adattamento, targato anno 1997, il secondo con Schumacher regista, ma il primo per Gorge Clooney, nell’insolita veste di Bruce Wayne/Batman. Affiancato dallo stesso Robin (Chris O’ Donnell), i nuovi nemici da sconfiggere corrispondono ai nomi di Poison Ivy, della conturbante Uma Thurman, e del possente e “freddo” Mr. Freeze , ruolo dell’attuale governatore della California, Arnold Schwarzenegger. Il film comunque sembra essere il picco più basso di tutta la produzione cinematografica di Batman, facendo sospendere la realizzazione di altri film su Batman per un po’ di tempo. 
Ma otto anni dopo le sale dei nostri cinema ospitano nuovamente un nuovo capitolo della storia dell’uomo Pipistrello, incentrato sulle sue origini e la nascita di lui come eroe di Gotham City. Il film, di Christopher Nolan, con Christian Balenel ruolo di Bruce Wayne/Batman, piace molto sia al pubblico che alla critica, anche per il cast importante che accompagna Bale, ovvero Michael Caine nel ruolo del maggiordomo Alfred Pennyworth, Gary Oldman come il tenente di polizia Gordon, Morgan Freeman nel ruolo di Lucius Fox e Liam Neeson come Henri Ducard. Viene apprezzata la scelta di proporre un Batman inedito, non ancora paladino degli innocenti, ma prossimo a diventarlo; un vero viaggio alla scoperta delle sue origini. Il film dalla sua ha toni più cupi rispetto allo stile delle altre pellicole, con un incremento dell’utilizzo degli effetti speciali. Il film, “Batman Begins” (2005), è un vero successo, che segna la rinascita della passione e dell’interesse per Batman al cinema. Anche perché il film si chiude con un Batman pronto alla sfida del suo più famoso nemico: il Joker. 
Locandina originale di "Batman: The Dark Knight"I fans non sono delusi, il seguito di “Batman Begins” esce nelle sale nel 2008: “Batman: Il Cavaliere Oscuro”. Regia e attori sono sempre gli stessi, a prova che tutti hanno svolto un ottimo lavoro precedentemente, se non per l’introduzione del Joker interpretato dal compianto Heath Ledger. Quest’ opera non è altro che una sorta di “remake” del primo Batman di Tim Burton. Per la trama è giusto dirlo, ma l’atmosfera e il personaggio del Joker è una vera innovazione. Tralasciando l’ eccellente interpretazione di Ledger, questo Joker più che un clown schizofrenico surreale, diventa un terrorista pazzo sostenitore del Caos, attualizzandosi nell’ America post 11 settembre. Da sottolineare anche la grande prova di Aaron Eckhart nella parte del procuratore distrettuale Harvey Dent. 
Il film supera le aspettative e batte il “Begins” di tre anni prima, piazzandosi con il record di incassi di 500 milioni di dollari ai botteghini in meno di cinquanta giorni. La critica è entusiasta del nuovo Joker, di Batman e dell’uso degli effetti speciali, miscelati sapientemente in questo grande film d’azione. Il Batman è tornato alla grandezza che merita, ma questo è dovuto anche al genio di Frank Miller, che è stato ideatore della svolta cupa e dark del Batman dei film di Nolan che ha convinto quasi tutti gli amanti del Batman cartaceo. 
Albo di Frank Miller "Batman Anno 1"Frank Miller, autore di fumetti statunitense attuò una profonda rivisitazione dell’uomo pipistrello durante gli anni 80 pubblicando per la ‘DC Comics’ due tra i più celebri albi, “Batman anno 1” e “Il Ritorno del cavaliere oscuro”. E’ appunto grazie al genio di Frank Miller che un personaggio come quello di Batman che ormai aveva raggiunto quasi il ridicolo (perdendo la drammaticità e l’intensità del personaggio inziale), fra gli altri anche a causa dei telefilm del 1966, raggiunse nuovamente il suo splendore. Frank Miller diede grande importanza al passato di Batman, e lo riportò ai fasti originali. Un personaggio oscuro, reietto di una società corrotta dal crimine, turbato profondamente dal suo passato, pronto a sfidare la morte per combattere il crimine ma per mezzo delle sue ferree regole, che in nessun modo prevarica. Un personaggio che tuttavia, a differenza di molti supereroi, è umano, sbaglia, si fa male, sanguina e come unica arma ha la tecnologia e l’astuzia. E’ un Batman ancora acerbo nella tecnica, appunto umano, quello proposto in “Batman Anno I”, e questo è indubbiamente l’albo che di più ha influenzato nella stesura della scenografia dei batman “di nuova generazione”, ovvero “Batman Begins” e “The Dark Knight”.

Per maggiori informazioni, visitare le seguenti pagina di Wikipedia: Batman.

Giuseppe Spissu e Marco Torelli