brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

Salvatore Quasimodo in limba

21/05/2008

Qualche tempo fa,  nella Sala settecentesca della Biblioteca Universitaria di Cagliari, ho assistito alla presentazione del suo ultimo volume: Edd est subitu sero. Tottu sas poesias, traduzione in sardo (scanese) del celebre libro di Salvatore Quasimodo.

Introdotto dalla direttrice della biblioteca Ester Gessa, oltre l’autore sono intervenuti: Giulio Angioni, antropologo e romanziere, Giovanna Cerina, docente di letteratura italiana e  Alessandro Quasimodo, figlio del poeta.

La piacevole serata si è conclusa con alcune letture di poesie, tratte dal testo appena presentato, fatte da Pierpaolo Piludu alternate con altre letture fatte  dal figlio del premio Nobel e tratte dal testo originario.Il docente di antropologia Giulio Angioni  ha ringraziato l’autore per aver fatto ’commuovere il lettore per il suo doppio e gratuito atto d’amore’ (per la poesia di Quasimodo e per la parlata nel suo sardo materno). L’autore nella sua presentazione, tanto semplice e modesta quanto lucida e piacevole, ha messo in luce l’operazione quantomai curiosa, ardua e - come l’autore stesso ammette - un pò ’folle’: cercare di essere fedele il più possibile al poeta siciliano e, nello stesso tempo, per quanto riguarda la grammatica, l’ortografia e la purezza lessicale, ispirarsi al modello dei versi scritti dai più grandi poeti logudoresi. In due anni di lavoro, da perfetto bilingue sardo-italiano, ha tradotto  l’opera nel suo dialetto di Scano Montiferru  raggiungendo un risultato, a detta del figlio del premio Nobel, di "...alta qualità in cui si fondono insieme armonicamente aderenza al modello e originalità" . Gian Gavino, conclude Alessandro Quasimodo nel suo ringraziamento all’autore, è riuscito con la stessa forza espressiva del testo originario a trasformare i versi dell’opera del padre in " melodie che sanno evocare terra, mare, vento " .

 Aemme

(1) Con la raccolta Versi controtempo ha vinto nel 2007 il Premio Letterario Gramsci