brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

"L’eleganza del riccio" da carta a pellicola.

04/11/2009

“L’eleganza del riccio”

Nel 2007 un nuovo libro, a pochi mesi dalla sua uscita scala la vetta della classifica europea: "L’eleganza del riccio". Muriel Barbery, donna laureata in filosofia, pubblica un romanzo filosofico. La storia che viene raccontata in questo libro è ambientata in un elegantissimo palazzo francese, in cui vivono persone dell’alta borghesia. Come spettatore di questa agiata e lussuosa vita vi è la portinaia Renée che appare in tutto e per tutto conforme all’idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. L’aspetto di Renée inganna tutti però: essa è infatti una coltissima autodidatta che adora l’arte, la filosofia, la musica e la cultura giapponese. Poi c’è Paloma, la figlia di un importante ministro, dodicenne geniale e brillante, che stanca di vivere decide di farla finita il giorno del suo quattordicesimo compleanno. Fino ad allora, la simpatica ragazzina interpreterà il ruolo della ragazzina mediocre ed imbevuta di sottocultura adolescenziale, osservando segretamente con occhio critico tutto ciò che la circonda. Due personaggi apparentemente diversi tra loro che si incontreranno solo  grazie all’arrivo di Monsieur Ozu, un ricco giapponese, il solo che riuscirà a smascherare Renée. Dalla carta si decide di trasformare il romanzo in pellicola. L’arrivo di questo film nelle sale cinematografiche è previsto inizialmente per Novembre 2009, ma per problemi di cui non si è al corrente, viene spostato a Gennaio 2010. I lettori di questo libro hanno già dato inizio ad un "contdown", e aspettano con ansia l’uscita del film. Sul web sono presenti già numerose critiche, come ad esempio sulla scelta inappropriata dei personaggi, e sul cambiamento di alcuni nomi, come Monsier Ozu che nel film diventa Kakuro. Le recensioni sul film dicono comunque che i ruoli di Renée e Paloma tengono alto il nome dei personaggi, di cui noi lettori ci eravamo innamorati, anche se perdono credibilità nel momento in cui vengono doppiati in altre lingue (tra cui l’italiano). Il film è stato prodotto e distribuito dalla casa cinematografica "Eagle Pictures".

Aldostefano Marino