brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

Dieci piccoli indiani

10/06/2008

Recenzione A cura di Giulia Orgiana

Otto persone, che non si conoscono tra di loro, vengono invitate con una lettera a trascorrere l’estate in una splendida isola di Nigger Island (UK). Nonostante nessuno degli invitati conosca precisamente il proprietario della casa, tutti accettano. Al loro arrivo sull’isola trovano una lussuosa villa e due servitori, un maggiordomo e la cuoca (marito e moglie), quindi nell’isola sono in 10. Il padrone della villa non è ancora giunto nell’isola per disguidi non meglio precisati. Sopra il caminetto di ogni camera da letto è incorniciata una filastrocca per bambini, alquanto macabra, che narra la storia di 10 poveri negretti che muoiono uno ad uno. La prima sera mentre è servito agli ospiti un aperitivo prima della cena, la voce ferma di un uomo accusa tutti di essere assassini elencando gli omicidi per cui erano imputati. Tutti rimangono immobili quasi impietriti, di chi era quella voce? E perché conosceva il più oscuro segreto di ogni persona di quella stanza? Queste saranno le domande che tormenteranno la mente degli ospiti destinati, (come si capirà già dalle prime pagine del libro) a morire prima o poi, ma nessuno lascerà l’isola, nemmeno l’assassino.... Un libro stupendo per chi, come me, ama i gialli di Agatha Christie. Un romanzo appassionante e avvincente ma terrorizzante quasi come un film. Consiglio la lettura ai ragazzi dagli 11 anni in su.