brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

La metropolitana arriva a Cagliari!

12/03/2010

Il 16 Febbraio nell’aula magna della sede staccata del Liceo Scientifico Michelangelo di Cagliari, si è tenuta una conferenza  centrata sul "futuro dellamobilità cagliaritana" parte di un programma di ricerche e approfondimenti in materia di trasporto pubblico che il professor Emilio Maxia, insegnante di storia e filosofia, sta svolgendo con le sue classi 4° e 5°. I due interventi più significativi sono stati quelli di Giovanni Corona, presidente Ctm Spa e professore di tecnica ed economia dei trasporti all’università di Cagliari e quello dell’ingegnere SergioMurgia, addetto al comune di Cagliari per quanto riguarda gli investimenti in campo di trasporti. Dopo una breve introduzione fatta da professor Maxia la conferenza si è aperta con l’intervento del presidente del Consorzio, il quale ha fornito dati e statistiche per spiegare il ruolo dell’azienda sul territorio di 8 comuni dell’area vasta di Cagliari.  Ogni giorno la Ctm trasporta una media di 108.000 passeggeri su i 200 mezzi operanti in orario di punta che percorrono una rete di più di 400Km. Il presidente Corona ha ricordato che in Italia  in particolare, ma un pò in tutta l’Europa meridionale, la percentuale degli abitanti che usano il mezzo pubblico è solo il 20% della popolazione, il resto sceglie di usare l’automobile con conseguente intasamento delle strade che collegano i centri urbani con le zone limitrofe. Questo problema esiste anche a Cagliari ed è anche abbastanza grave: si pensi che a Cagliari in un giorno lavorativo sono stati contati 186.582 veicoli in entrata. Considerato l’aumento del  flusso di veicoli registrato nell’ultimo decennio, è diventato prioritario l’impegno per risolvere il problema. Come soluzione proposta dall’azienda di trasporto c’è quella di sviluppare "la metropolitana interrata" che riuscirebbe a collegare il cuore di Cagliari con l’hinterland passando per Pirri, Monserrato, Selargius, Quartucciu e terminare in via Fiume a Quartu. Secondo le stime dell’Azienda, per realizzare l’ambizioso progetto sarebbero necessari 6 anni dal momento dell’apertura dei cantieri, naturalmente i tempi vanno calcolati solo dopo la conferma dei finanziamenti e l’approvazione della Regione. Nell’intervento successivo l’ingegnere Murgia ha parlato di come il comune si stia muovendo nell’avviare i lavori di pedonalizzazione di alcune vie e piazze della città dopo il  periodo di prova dell’estate 2009 avvenuto nella zona del Poetto - nel tratto compreso tra Marina piccola e la prima fermata; si tratta di estendere le "zone pedonali" al quartiere di Castello, via Barcellona, e altri quartieri, ancora da stabilire. Un altro obiettivo del comune è quello di creare più piste ciclabili e introdurre il "bike - share", una iniziativa che renderebbe possibile noleggiare una bici per la giornata e riportarla a fine utilizzo in uno dei quattro punti sparsi per la città. Per quanto riguarda il trasporto pubblico l’obiettivo del comune è di aumentare le corsie preferenzialidei pullman per poter abbattere i tempi di percorrenza dei mezzi e creare dei parcheggi fuori dal centro urbano, in modo da incoraggiare i pendolari a lasciare le auto all’entrata della città e continuare il viaggio col mezzo pubblico. Per quanto riguarda il costo delle varie opere in progetto, l’ingegnere ha garantito la presenza dei fondi grazie ad un Bando nazionale sulle tecniche per abbattere l’inquinamento (il Comune di Cagliari è stato premiato per le sue iniziative).  Dopo gli interventi dei due ospiti è stata dedicata la mezz’ora restante alle domande fatte dagli studenti, che hanno potuto ottenere risposte e precisazioni sull’argomento trattato. Tra le domande poste c’è stata la proposta di introdurre servizi notturni, vista l’assenza totale di mezzi pubblici dopo le ore 24; il professor Corona ha risposto ricordando che in passato esisteva un "servizio notturno" ma che circa sei anni fa venne abolito per via del suo scarso utilizzo; in futuro si sta pensando di sperimentare un servizio a chiamata, con l’uso di taxi guidati da dipendenti del CTM; un tale servizio comporterebbe la spesa di un normale biglietto di viaggio. Altra domanda di rilievo è stata  fatta sull’integramento del piano CTM con quello già esistente della FDS aprovato e finanziato dalla Giunta Regionale Soru, l’ingegner Murgia ha confermato che la nuova metropolitana si allaccerà in più punti con la metropolitana di superficie e con la stazione delle ferrovie di Piazza Matteotti; inoltre, è allo studio la creazione di un tratto della metropolitana che possa collegare Piazza Matteotti con l’aeroporto tramite un percorso in superficie che scorrerebbe vicino alle linee delle FS.

Alla fine del dibattito il professor Corona ha voluto ricordare due numeri di telefono: il primo da utilizzare per il servizio di "chiamata IVR" 0702655002, un numero disponibie 24/24 ore che permette di avere informazioni sul trasporto tramite una voce registrata, mentre il secondo numero potrebbe essere utile agli utenti per ricevere un SMS con gli orari di transito delle linee nelle relative fermate. Per usufruire del servizio bisogna scrivere un messaggio con la dicitura "BUS" in maiuscolo - spazio - codice della fermata (indicato su ogni fermata) al numero 339.99.41850 o al 41850 per i clienti TIM.

 

 

Il CTM in numeri:

 Dipendenti: 765

 Linee: 29 di cui filoviarie

 Viaggiatori al giorno: 105.000
 Lunghezza rete: 425 Km
 Vetture in servizio all’ora di punta: 180
 Vetture Km annue: 12.000.000
 Mezzi totali: 274

 

 

 

 

 

 

 

 

Alex MaxiaQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.