brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

Parte la raccolta differenziata

01/04/2008

PARTE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA

 

Disegno realizzato dagli alunni della Scuola Elementare "G. Pascoli"  

Bibbona (Livorno)

 Disegno realizzato dagli alunni della Scuola Elementare "G. Pascoli" di Bibbona (Livorno)

 

Il primo aprile è partita la raccolta differenziata a Selargius; il 14 aprile partirà a Monserrato (impresa Campidano Ambiente); sempre verso la metà di aprile dovrebbe partire anche a Quartu Sant’Elena (impresa De Vizia).

In realtà la raccolta differenziata,  è già partita da molto; in diversi quartieri infatti i cittadini avevano a disposizione cinque cassonetti, uno per l’indifferenzato, uno per la carta, uno per l’umido, uno per vetro e lattine, uno per la plastica e la maggior parte delle famiglie si è allenata a separare in casa i rifiuti; quello che cambierà è che la raccolta, come già avviene da tempo a Sinnai e a Quartucciu, avverrà d’ora in poi porta a porta.

Le singole famiglie stanno ricevendo in questi giorni tre contenitori: uno per l’umido, un po’ più piccolo, uno per il vetro e le lattine, uno per i rifiuti indifferenziati;  hanno inoltre ricevuto un calendario con le indicazioni sul progetto di raccolta settimanale: tre giorni alla settimana verrà ritirato l’umido, due volte il secco, una volta la carta, la plastica e il vetro.

Certo molti sono un po’ perplessi per la raccolta porta a porta, ma visto che in alcune località sta funzionando ormai da tempo, non vedo perchè anche da noi non dovrebbe andare bene; può darsi che qualcosa vada perfezionata, ma l’importante è cominciare e verificare i risultati.

Quello che mi lascia perplessa è che a scuola ancora se ne parla poco; ritengo molto importante coinvolgere i ragazzi e le modalità possono essere diverse; per es in ogni classe si potrebbero sistemare delle scatole di cartone o dei cestini per invitarli a dividere carta, (e ce n’è tanta a scuola!),  plastica (tutte le bottigliette dell’acqua delle macchinette per es.), umido (resti di panini, pizzette, merendine), vetro bottigliette varie), indifferenziato (cellophane di crackers, carta di patatine, penne, pennarelli, bicchieri di carta...).

Il mio è un invito ad essere più responsabili ed attenti; le immagini di Napoli sommersa dai rifiuti ci hanno tanto scandalizzato, ma poi non ci scandalizzamo davanti a dei cortili o degli anditi in cui si può trovare di tutto; e le cose non cadono da sole!

Allora diamo un buon esempio ai nostri concittadini; diamo il nostro piccolo contributo per un futuro migliore!

 

m.p.