brotzu school

spazio riservato al libero scambio di idee, pensieri e parole

L’amore: Gioia o dolore eterno?

28/11/2008

"Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.

Nescio, sed fieri sentio et excrucior"

Come Catullo scrisse alla sua amata Lesbia: “Odio e amo. Ma come, dirai. Non lo so, sento che avviene e che è la mia tortura”.

Eh già…chi avrebbe mai pensato di trovarsi d’accordo con un poeta vissuto secoli e secoli fa?

Invece è proprio cosi…a parer mio non esiste una frase più bella di questa per descrivere cosa si prova quando si è colpiti da quella maledetta freccia di cupido che non termina mai di mietere vittime, e che a quanto pare iniziò il suo lavoro molto tempo addietro.

Povero Catullo, pazzamente innamorato di una donna che non contraccambia minimamente l’immensità di sentimenti che lui le offre involontariamente, senza sapere ne perché ne come. Sa solo di essere, come anche io mi definisco, preda e vittima di una lacerazione a cui non c’e’ rimedio. Non esiste una cura a questo grave “virus” chiamato AMORE, perché quando il nostro cuoricino decide di battere all’impazzata alla vista di una persona non possiamo far altro che renderci conto e quindi diventare consapevoli che qualcosa di tragicamente fantastico e terribilmente incontrollabile, sta nascendo in noi. Ora non pensate che l’amore sia solamente una pena, non fatevi influenzare dal mio modo di vedere la vita in questo momento, è solo che non c’è cosa più terribile di una cotta non corrisposta alla mia età. L’amore, se corrisposto e vissuto finché dura, è un’esperienza indimenticabile che può farti scoprire tanti nuovi orizzonti fino ad allora inesplorati e che ti fa sentire parte di quell’inspiegabile alchimia che porta due persone ad un’attrazione non solo fisica ma soprattutto sentimentale. È una strana chimera che porta una felicità diversa da tutte le altre, che non si può provare altrimenti. A tutti i ragazzi e le ragazze che, come me, cercano disperatamente la pace interiore ma soprattutto un ragazzo che contraccambi i propri sentimenti voglio lasciare un piccolo consiglio nato dall’esperienza personale: non preoccupatevi...prima o poi nella vita incontreremo la nostra anima gemella. A questa età non è semplice innamorarsi di una persona che resterà con noi per tutta la vita. Bisogna tenere duro, senza mai rinnegare il proprio passato, senza mai pentirsi delle proprie scelte, ma soprattutto senza vergognarsi mai dei sentimenti che si sono provati.

Una di voi che ce l’ha già infranto

Sara Farris